mercoledì 9 marzo 2011

Borsa portalavoro

Ora si che è professionale, oltre che comodo, portare in giro i miei lavori, che fannno più kilometri dell'ATM :D, me li porto sempre dietro, quando ho un minutino di pausa (o quando me lo prendo il minutino) un paio di giri di uncinetto me li faccio sempre e perciò mi trascinavo sempre dietro una shopper stracolma, casa-lavoro, lavoro-casa dei miei, poi di nuovo lavoro e poi a casa, mi stavo segando via l'avanbraccio.
Con questa comodissima borsa a tracolla il peso è lo stesso ma almeno è ben distribuito e poi è più carina.
Fatta con la mia immancabile stoffa di cotone nera (ne ho ben 90 metri quadri, pfff mi basta finchè campo) non ho seguito nessuno schema, mi sono fatta consigliare da mia madre e poi l'ho immaginata come una scatola con i manici.
I consigli di mia madre non li ho seguiti benissimo, da solita zuccona, ma sbagliando si impara e ora li ho capiti meglio e ho anche capito che non è proprio come fare una scatola, ma ci si avvicina.
Ho capito inoltre del perchè nelle borse c'è sempre quel pezzetto finale di cerniera che non è cucito alla borsa, si apre meglio la borsa, invece a me (che l'ho cucita tutta la ceniera) da un lato la borsa non si allarga come dovrebbe, altra lezione di cui farne tesoro.